Modalità:


Login  | 
Eventi e Notizie - Dicembre 2013
Approvato in Giunta il progetto per lavori all'Archimede di Barletta
venerdì 13 dicembre 2013 by Ufficio Stampa

 

Il pericolo per l’incolumità degli studenti aveva indotto nei giorni scorsi il Presidente della Provincia di Barletta - Andria - Trani, Francesco Ventola, a disporre un’ordinanza di chiusura dei laboratori all’Istituto “Archimede” di Barletta.

Entro la ripresa delle attività scolastiche, dopo la pausa natalizia, saranno completati i lavori urgenti a carico della Provincia, necessari proprio per risolvere le carenze strutturali emerse.

Frattanto, la Giunta provinciale di Barletta - Andria - Trani ha approvato il progetto preliminare per un intervento più organico sempre nei riguardi dell’Archimede, che prevede lavori di recupero conservativo e riqualificazione strutturale.

   

«Abbiamo ereditato l’Istituto Archimede di Barletta in condizioni notoriamente pessime che ci hanno indotto, pochi giorni fa, a disporre un’ordinanza di chiusura dei laboratori, con i lavori urgenti che sono cominciati immediatamente - ha affermato l’Assessore all’Edilizia Scolastica della Provincia di Barletta - Andria - Trani Domenico Campana -. Successivamente potremo guardare ad un intervento più organico, dell’importo complessivo di 1 milione di euro di finanziamenti Cipe, per il quale abbiamo già approvato in Giunta il progetto preliminare. Attendiamo la sottoscrizione dell’accordo con la Regione per poi procedere con l’indizione della gara. Contiamo entro il mese di settembre di poter iniziare i lavori».

Il progetto prevede interventi di riqualificazione strutturale, efficientamento energetico ed adeguamento dell’edificio scolastico alle norme in materia di sicurezza, al fine di eliminare le problematiche esistenti.

   

Nello specifico i lavori consisteranno nella sostituzione di tutti gli infissi e porte di uscita di sicurezza con nuovi infissi in alluminio a taglio termico, realizzazione di tutti gli stipiti in pietra per le finestrature da realizzare, ripristino delle strutture (travi-pilastri) in stato di degrado per infiltrazioni di acqua, ripristino degli intonaci ammalorati, rimozione della guaina esistente dai tetti dei laboratori, realizzazione di nuovo manto impermeabile, posa in opera di copertina in pietra per tutto il perimetro dei muri esistenti sul lastrico solare e sulle falde inclinate del blocco laboratori, rifacimento degli intonaci di facciata dei laboratori e sostituzione di tutti i pluviali esistenti del blocco laboratorio.

L’Ufficio Stampa

Enrico Aiello