Login  | 
Eventi e Notizie - 2015
Il Professor Luciano Gigante entra a far parte della struttura provinciale
lunedì 28 settembre 2015 by Ufficio Stampa

 

Il Professor Luciano Gigante, Dirigente scolastico biscegliese in quiescenza, entra a far parte della struttura amministrativa della Provincia di Barletta - Andria - Trani, con l’incarico di riprogettare il ruolo della Provincia nella governance delle funzioni fondamentali della programmazione della rete scolastica e gestione dell’edilizia scolastica.

Lo ha stabilito il Presidente della Provincia Francesco Spina, con propria ordinanza firmata nei giorni scorsi.

L’incarico assegnato al Prof. Luciano Gigante, a titolo gratuito e della durata di un anno, punterà a consolidare le buone pratiche realizzate sinora sul territorio provinciale, raffrontandole ed implementandole con quelle sperimentate e collaudata in altre realtà, a rivitalizzare la Rete Provinciale degli Istituti di Istruzione di 2° grado, costituita nell’anno scolastico 2011/2012, ed a ricercare risorse finanziarie regionali, nazionali o europee in favore del patrimonio scolastico provinciale.

 

«Voglio sinceramente ringraziare il Preside Luciano Gigante, per aver messo a disposizione della nostra Provincia esperienza, professionalità e capacità maturate nel corso di una brillante carriera - ha affermato il Presidente della Provincia di Barletta - Andria - Trani Francesco Spina -. In questa delicata fase di riordino delle Province, il Settore della Pubblica Istruzione rappresenta un elemento essenziale dell’attività di programmazione e gestione del nuovo ente di area vasta e su cui si misurerà la capacità di perseguire lo sviluppo strategico del territorio. Pertanto, un nuovo modello di programmazione della rete scolastica provinciale non può prescindere dalla solida esperienza accumulata negli anni dal Prof. Luciano Gigante nella gestione delle problematiche del variegato universo “scuola”, che ha saputo aprire al territorio in un fecondo rapporto dialettico proiettandolo in una dimensione europea».

L’Ufficio Stampa

Enrico Aiello