Login  | 
Eventi e Notizie - 2015
Buone pratiche in materia ambientale, Protocollo d’Intesa tra Provincia e Cna Bat
giovedì 28 maggio 2015 by Ufficio Stampa

La Provincia di Barletta - Andria - Trani e la Confederazione Nazionale dell’Artigianato e della Piccola e Media Impresa (Cna) della Bat hanno stipulato un Protocollo d’Intesa per la costituzione di un tavolo di Lavoro congiunto sulle tematiche ambientali.

Un’iniziativa finalizzata alla condivisione di “best practices” relative agli elaborati tecnici necessari alle domande di autorizzazione ambientale, nella predisposizione e presentazione della documentazione ed in tutti gli interventi che migliorino, in un’ottica sinergica, l’azione della Pubblica Amministrazione.

Il Tavolo di Lavoro (costituito da 3 delegati della Provincia ed altrettanti della Cna Bat e presieduto dal Dirigente del Settore Ambiente della Provincia Vito Bruno o funzionario delegato) potrà inoltre concordare l’organizzazione di moduli formativi per il perfezionamento del personale delle aziende e dei loro consulenti, nella predisposizione della documentazione funzionale alle pratiche di autorizzazione ambientale.

 

«Con questo Protocollo d’Intesa costruiamo un ponte diretto tra la Provincia ed il mondo delle imprese, necessario per rendere più efficienti sia i processi decisionali dell’ente che la predisposizione delle pratiche aziendali in materia ambientale - ha commentato il Presidente della Provincia di Barletta - Andria - Trani Francesco Spina -. L’azione della Provincia, grazie anche al lavoro incessante del Settore Ambiente sotto l’impulso del Vicepresidente con delega all’Ambiente Luigi Antonucci, continua con determinazione la sua attività volta a perseguire la tutela dell’ambiente e della qualità vita sul territorio. Obiettivo, questo, che non può prescindere da un miglioramento della qualità delle pratiche presentate dalle imprese all’Amministrazione per le richieste di autorizzazione ambientale e dalla riduzione dei tempi di valutazione delle stesse, le cui lungaggini spesso comportano effetti negativi sugli investimenti e sullo sviluppo del nostro territorio».

L’Ufficio Stampa

Enrico Aiello