Login  | 
Eventi e Notizie - 2015
Ordinanza della Provincia per la messa in sicurezza della discarica di Trani
lunedì 16 febbraio 2015 by Ufficio Stampa

   

«Con la tutela dell’ambiente e la salute dei cittadini non si scherza».

Ha usato queste parole il Presidente della Provincia di Barletta - Andria - Trani, Francesco Spina, nel motivare stamani in conferenza stampa l’ordinanza con cui si diffida la Società Amiu Trani Spa ad attivare i necessari interventi di messa in sicurezza di emergenza/urgenza della discarica di Trani, al fine di ricondurre le acque sotterranea al di sotto dei valori limite.

«Un atto dovuto nei riguardi dei cittadini tranesi, affinchè si possa mettere in sicurezza il sito e prevenire gravi danni di carattere ambientale» ha spiegato il Presidente Spina.

L’apposita Conferenza di Servizi dello scorso 11 febbraio, infatti, rilevava che le attività sino ad allora poste in essere, pur avendo determinato una “riduzione degli inquinanti rilevati in falda” non hanno prodotto effetti risolutivi del fenomeno di contaminazione riscontrato ed acclarato dalle analisi depositate dalla Società Amiu in Conferenza di Servizi.

Gli interventi di messa in sicurezza dovranno riguardare il potenziamento e la funzionalità in continuo dell’emungimento di percolato finalizzati alla massima estrazione dello stesso, la copertura di emergenza del terzo lotto e le opere di contenimento idraulico della falda.

«E’ una situazione che stavamo monitorando da tempo - ha spiegato il Presidente Spina - grazie al supporto delle strutture tecniche della Provincia, a cominciare dall’Ufficio Ambiente, Rifiuti e Bonifiche coordinato dal Dirigente Vito Bruno. Dopo una serie di approfondimenti tecnico-giuridici, valutate le analisi consegnate dall’Amiu in Conferenza di Servizi e dopo l’invito formale della Regione Puglia, abbiamo constatato che per quanto ridottosi, il fenomeno di contaminazione continuava a verificarsi. Per questo abbiamo immediatamente voluto adottare un provvedimento finalizzato alla rimozione della sostanza inquinante ed alla bonifica dell’area contaminata. Un’azione propulsiva nei confronti del Comune di Trani e della Società Amiu, da cui auspichiamo i provvedimenti necessari richiesti».

Il Presidente Spina ha poi concluso annunciando la propria volontà di volersi far promotore «affinchè la Regione Puglia possa mettere a disposizione della Città di Trani le risorse economiche necessarie per tali attività, sempre nell’ottica di quel ruolo di supporto dei Comuni che la legge ha attribuito alle Province con il recente riordino».

L’Ufficio Stampa

Enrico Aiello