Login  | 
Eventi e Notizie - 2014
Il Presidente Spina in visita negli istituti scolastici canosini
sabato 13 dicembre 2014 Da Ufficio Stampa

 

“Mi ha impressionato molto positivamente l’entusiasmo dei ragazzi”. Queste le riflessioni a latere del Presidente Francesco Spina che, accompagnato dal già Presidente Francesco Ventola, è stato accolto calorosamente dai ragazzi del Liceo Scientifico E. Fermi questa mattina a Canosa.

Prima che cominciasse l’evento dedicato a Telethon, il Presidente è stato ricevuto dalla dirigente Nunzia Silvestri, dal Presidente del Consiglio d’Istituto Sabino Palmieri e dai rappresentanti di tutte le classi.

“Oltre a voler conoscere le strutture scolastiche di competenza provinciale e salutare dirigenti, personale e studenti - ha affermato il Presidente della Provincia - sto “toccando con mano” la condizione complessiva degli istituti ed avendo un momento di confronto soprattutto con i ragazzi”.

Non è mancato l’intervento puntuale e stimolante di qualche studente. Davide, ad esempio,  ha sottolineato l’esiguità dei fondi di cui la scuola dispone e l’esigenza di spazi adeguati per le diverse attività; gli ha fatto eco la dirigente scolastica che ha rimarcato la difficoltà, a proposito della carenza di aule, di dover conservare nei cartoni i testi destinati alla biblioteca in attesa di recuperare gli ambienti originariamente destinati a tale scopo.

“Bisogna pazientare ancora un anno - ha commentato il Presidente Spina - perché si possa concretizzare la costruzione del nuovo palazzetto con auditorium e palestra che la Provincia ha progettato e finanziato. Conclusa la gara ed affidato l’appalto, i lavori avranno il loro corso così da creare i luoghi idonei ove praticare le attività sportive e culturali la cui mancanza da sempre ha costituito un handicap specifico per il Liceo canosino. Del resto, a fronte della limitatezza delle risorse finanziarie, è decisamente apprezzabile lo sforzo che vedo essere comune a tutti i livelli delle istituzioni locali, per la soluzione dei diversi problemi. Un esempio può essere quello relativo alle nuove aule che il Comune sta rendendo disponibili”.

E’ stata poi la volta della visita all’Istituto L. Einaudi ove è stato anche presentato il volume “Percorsi di storia e memoria”, promosso dalla Provincia e curato dal Presidente dell’Archivio della Resistenza e della Memoria di Barletta, Luigi Di Cuonzo, organismo nato circa 15 anni fa per dare una risposta alle esigenze di conoscenza delle vicende storiche del nostro territorio.

Alla presenza del sindaco di Canosa, Ernesto La Salvia, dopo i saluti della preside Maddalena Tesoro, che ha sottolineato gli sforzi fatti dall’istituto, in termini di investimenti per le attività dei ragazzi, e l’esigenza di maggiori ausili scolatici a partire da banchi e sedie, il presidente della Provincia Francesco Spina ha salutato una gremitissima platea di studenti.

“Ho apprezzato molto l’attenzione che vado registrando - ha sottolineato il presidente della Provincia Francesco Spina, a conclusione della giornata canosina - e che dimostra anche un elevato livello di maturità, in verità presente un po’ in tutte le nostre realtà. C’è qualità, ci sono davvero risorse umane sulle quali poter investire e che ci fanno ben sperare per il futuro. Un futuro importante che questi ragazzi sapranno certamente rappresentare sia per i ruoli di rappresentanza sociale, sia per le necessarie figure scientifiche, tecniche e professionali di livello; è  nei nostri livelli genetici questa traccia di eccellenza che sono certo i nostri ragazzi sapranno testimoniare”

Quanto ai bisogni di base evidenziati - è stato poi riferito -, le somme e le procedure di acquisizione del materiale, per banchi, sedie ed attrezzature diverse richieste dalle scuole, tutto è stato fatto per quanto di competenza provinciale, si aspetta solo lo sblocco dei finanziamenti MEF-MIUR su cui la Provincia fa affidamento. Si tratta di finanziamenti complessivamente pari a circa 5 milioni e rivenienti da fondi Fesr per manutenzioni ordinarie e straordinarie di cui 600 per arredi scolastici e laboratori.

L’Ufficio Stampa

Enrico Aiello


 
Il Presidente Spina in visita negli istituti scolastici canosini
sabato 13 dicembre 2014 by Ufficio Stampa

 

“Mi ha impressionato molto positivamente l’entusiasmo dei ragazzi”. Queste le riflessioni a latere del Presidente Francesco Spina che, accompagnato dal già Presidente Francesco Ventola, è stato accolto calorosamente dai ragazzi del Liceo Scientifico E. Fermi questa mattina a Canosa.

Prima che cominciasse l’evento dedicato a Telethon, il Presidente è stato ricevuto dalla dirigente Nunzia Silvestri, dal Presidente del Consiglio d’Istituto Sabino Palmieri e dai rappresentanti di tutte le classi.

“Oltre a voler conoscere le strutture scolastiche di competenza provinciale e salutare dirigenti, personale e studenti - ha affermato il Presidente della Provincia - sto “toccando con mano” la condizione complessiva degli istituti ed avendo un momento di confronto soprattutto con i ragazzi”.

Non è mancato l’intervento puntuale e stimolante di qualche studente. Davide, ad esempio,  ha sottolineato l’esiguità dei fondi di cui la scuola dispone e l’esigenza di spazi adeguati per le diverse attività; gli ha fatto eco la dirigente scolastica che ha rimarcato la difficoltà, a proposito della carenza di aule, di dover conservare nei cartoni i testi destinati alla biblioteca in attesa di recuperare gli ambienti originariamente destinati a tale scopo.

“Bisogna pazientare ancora un anno - ha commentato il Presidente Spina - perché si possa concretizzare la costruzione del nuovo palazzetto con auditorium e palestra che la Provincia ha progettato e finanziato. Conclusa la gara ed affidato l’appalto, i lavori avranno il loro corso così da creare i luoghi idonei ove praticare le attività sportive e culturali la cui mancanza da sempre ha costituito un handicap specifico per il Liceo canosino. Del resto, a fronte della limitatezza delle risorse finanziarie, è decisamente apprezzabile lo sforzo che vedo essere comune a tutti i livelli delle istituzioni locali, per la soluzione dei diversi problemi. Un esempio può essere quello relativo alle nuove aule che il Comune sta rendendo disponibili”.

E’ stata poi la volta della visita all’Istituto L. Einaudi ove è stato anche presentato il volume “Percorsi di storia e memoria”, promosso dalla Provincia e curato dal Presidente dell’Archivio della Resistenza e della Memoria di Barletta, Luigi Di Cuonzo, organismo nato circa 15 anni fa per dare una risposta alle esigenze di conoscenza delle vicende storiche del nostro territorio.

Alla presenza del sindaco di Canosa, Ernesto La Salvia, dopo i saluti della preside Maddalena Tesoro, che ha sottolineato gli sforzi fatti dall’istituto, in termini di investimenti per le attività dei ragazzi, e l’esigenza di maggiori ausili scolatici a partire da banchi e sedie, il presidente della Provincia Francesco Spina ha salutato una gremitissima platea di studenti.

“Ho apprezzato molto l’attenzione che vado registrando - ha sottolineato il presidente della Provincia Francesco Spina, a conclusione della giornata canosina - e che dimostra anche un elevato livello di maturità, in verità presente un po’ in tutte le nostre realtà. C’è qualità, ci sono davvero risorse umane sulle quali poter investire e che ci fanno ben sperare per il futuro. Un futuro importante che questi ragazzi sapranno certamente rappresentare sia per i ruoli di rappresentanza sociale, sia per le necessarie figure scientifiche, tecniche e professionali di livello; è  nei nostri livelli genetici questa traccia di eccellenza che sono certo i nostri ragazzi sapranno testimoniare”

Quanto ai bisogni di base evidenziati - è stato poi riferito -, le somme e le procedure di acquisizione del materiale, per banchi, sedie ed attrezzature diverse richieste dalle scuole, tutto è stato fatto per quanto di competenza provinciale, si aspetta solo lo sblocco dei finanziamenti MEF-MIUR su cui la Provincia fa affidamento. Si tratta di finanziamenti complessivamente pari a circa 5 milioni e rivenienti da fondi Fesr per manutenzioni ordinarie e straordinarie di cui 600 per arredi scolastici e laboratori.

L’Ufficio Stampa

Enrico Aiello